ANF: aggiornate le tabelle con gli importi spettanti

Autore: Debohorah Di Rosa

Sono in vigore già dal 1° aprile 2019 le nuove disposizioni per la richiesta, il procedimento autorizzatorio e l’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare. Il processo è stato interamente telematizzato: oltre che attraverso il servizio WEB, la domanda può essere presentata tramite i Patronati, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi, non essendovi altri intermediari autorizzati. 

L’INPS, nella circolare n. 66 del 17 maggio 2019, ha provveduto ad aggiornare i livelli di reddito ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare in misura pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’ISTAT, e gli importi erogabili. Ai nuovi valori, che entreranno in vigore dall’1 luglio 2019 e fino al 30 giugno 2020, è stato applicato un indice di rivalutazione pari all’1,1 per cento. 

Alla Circolare sono allegate le tabelle con l’analitica elencazione di tutti i nuovi livelli reddituali, nonché i corrispondenti importi mensili della prestazione da applicare alle diverse tipologie di nuclei familiari, per la determinazione degli importi giornalieri, settimanali, quattordicinali e quindicinali della prestazione. 

I lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato non agricolo, a decorrere dal 1° aprile 2019, devono presentare le domande per la prestazione familiare direttamente all’INPS, esclusivamente in modalità telematica. 
Il lavoratore deve comunicare l’esito positivo della richiesta al proprio datore di lavoro, il quale avrà accesso ai dati necessari all’erogazione e al conguaglio degli ANF attraverso una apposita applicazione. 

Obbligo richiesta telematica
Già a decorrere dal 1° aprile 2019 le domande di assegno per il nucleo familiare dei lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato non agricolo devono essere presentate direttamente all’INPS, esclusivamente in modalità telematica. 
Una volta ricevuta l’istanza telematica, l’INPS svolge un’attività istruttoria utile alla individuazione degli importi giornalieri e mensili teoricamente spettanti in riferimento alla tipologia del nucleo familiare e del reddito conseguito negli anni precedenti. 
L’utente può prendere visione dell’esito della domanda presentata accedendo con le proprie credenziali alla specifica sezione “Consultazione domanda”, disponibile nell’area riservata. 

In caso di variazione nella composizione del nucleo familiare, o nel caso in cui si modifichino le condizioni che danno titolo all’aumento dei livelli di reddito familiare, il lavoratore interessato deve presentare, esclusivamente in modalità telematica, una domanda di variazione per il periodo di interesse, avvalendosi della procedura “ANF DIP”. 

Nuovi importi
Ecco alcuni esempi di importi teorici erogabili 

Reddito familiare annuo fino a 14.701,55 euro: 

  • per 3 componenti 137,50 euro;
  • per 4 componenti 258,33 euro;
  • per 5 componenti 375, 00 euro.

Reddito familiare annuo da 20.111,70 euro a 20.229,32 euro: 

  • per 3 componenti 101,08 euro;
  • per 4 componenti 207,42 euro;
  • per 5 componenti 329,96 euro.

Reddito familiare annuo da 101.381,78 euro a 101.499,40 euro: 

  • Fino a 6 componenti 0 euro;
  • per 7 componenti 0,13 euro.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.