Cessione del credito: necessario collegamento con il rapporto che ha dato origine alle detrazione

Autore: Redazione Fiscal Focus

Domanda – Un cliente del mio studio deve eseguire degli interventi di manutenzione straordinaria e riqualificazione energetica sulla propria abitazione. Dato il costo elevato di tali interventi, il contribuente ritiene che non avrà capienza d’imposta per poter fruire completamente delle detrazioni spettanti per tali interventi edilizi. Pertanto, intende cedere il credito corrispondente alla detrazione spettante per gli interventi sopra menzionati ad una società a responsabilità limitata della quale è amministratore e socio. Il fatto di essere socio e amministratore della predetta società soddisfa il requisito del collegamento con il rapporto che ha dato origine alla detrazione, richiesto dalla Circolare n° 11/E del 2018?

Risposta – L’articolo 1, comma 3, lett. a), n. 10, della legge 27 dicembre 2017, n° 205 (legge di Bilancio 2018) ha esteso, a decorrere dal 1° gennaio 2018, la possibilità di cedere il credito corrispondente alla detrazione spettante per tutti gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici richiamati nell’art. 14 del DL n° 43 del 2013, ivi compresi quelli effettuati sulle singole unità immobiliari, confermando che il credito può essere ceduto:

  • ai fornitori che hanno effettuato gli interventi nonché ad altri soggetti privati, con la facoltà per gli stessi di successiva cessione del credito, con esclusione delle banche e degli intermediari finanziari;
  • anche alle banche e agli intermediari finanziari da parte dei soli contribuenti che ricadono nella no tax area.

Nella Circolare n. 11/E del 2018 è stato chiarito che il credito può essere ceduto anche a soggetti privati diversi dai fornitori, sempreché collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione.

Per quanto attiene al quesito posto, si ritiene che il collegamento con il rapporto che ha dato origine alla detrazione, necessario ai fini della cedibilità del credito corrispondente alla detrazione medesima non possa ravvisarsi nel solo fatto che il contribuente, soggetto legittimato a fruire delle detrazioni in esame sia socio e amministratore della società cui l’istante intende cedere il relativo credito. Il collegamento deve, infatti, essere verificato con il rapporto che ha dato origine alla detrazione, rapporto rispetto al quale la società risulta del tutto estranea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.