Ministero dell’Interno: controlli sull’esercizio delle attività in sicurezza

Il Ministero dell’Interno – con Circolare del 14 aprile 2020, n. 15350 – ha reso noto d’aver incaricato i Prefetti di avvalersi del personale del Corpo della Guardia di Finanza, in linea con le funzioni proprie di polizia economico-finanziaria, per lo svolgimento di specifici controlli e riscontri circa la veridicità del contenuto delle comunicazioni prodotte dalle aziende.

Le verifiche saranno effettuate a mezzo di disamine documentali, tramite le banche dati in uso e, ove necessario, rilevamenti presso le sedi aziendali, avuto riguardo all’inclusione delle aziende nelle categorie autorizzate a proseguire l’attività produttiva ovvero all’esistenza della relazione economico-commerciale tra le attività d’impresa appartenenti alle varie filiere consentite.

Con il provvedimento in commento, il Ministero dell’Interno detta, inoltre, le disposizioni alle Forze di Polizia per l’esecuzione dei necessari controlli volti, da un lato, ad accertare che non vengano avviate attività diverse da quelle espressamente consentite; dall’altro a verificare che venga assolto correttamente l’obbligo di assicurare, oltre alla distanza interpersonale di un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto di beni, anche, l’applicazione delle altre misure di sicurezza indicate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.